Fine del supporto a Windows 2003 Server…cosa succede?

Home » Fine del supporto a Windows 2003 Server…cosa succede?

Fine del supporto a Windows 2003 Server…cosa succede?

Inesorabile è arrivato l’annuncio della fine del supporto per Windows XP e così anche una piattaforma largamente diffusa quale Windows Server 2003. I sistemi operativi a 32 bit di Microsoft sono ormai in fase di “abbandono” e a breve non verranno più supportati da Microsoft.

Con  la seguente tabella andiamo a riepilogare le date inerenti il supporto a Windows Server 2003:

Sistema operativo per SERVERInizio del ciclo di vitaFine supporto MainstreamFine supporto Extended
Windows Server 200328/05/200313/07/201014/07/2015
Windows Server 200806/05/200813/01/201514/01/2020
Windows Server 2008 R222/10/200913/01/201514/01/2020
Windows Server 201230/10/201209/01/201810/01/2023
Windows Server 2012 R225/11/201309/01/201810/01/2023

Il supporto mainstream, ovvero quello che viene erogato durante il ciclo di vita del prodotto, è quindi già finito.

Da tempo per Windows Server 2003 non vengono più rilasciati Service Pack e questo quindi significa che sul prodotto non è più in atto la manutenzione evolutiva.

Cosa significa e dove sono i pericoli…

I rischi nel continuare a usare un sistema operativo server non più supportato sono ancora più elevati rispetto a un sistema desktop, come ad esempio Window XP usato praticamente sempre da un singolo utente. I nuovi rischi e le nuove vulnerabilità potrebbero mettere in pericolo dati di un’intera azienda esponendo il sistema a virus, spyware e malware ,magari intenzionalmente creati appositamente dopo la fine del supporto al fine di sfruttare.

Le vulnerabilità note vengono riparate regolarmente dal produttore (in questo caso Microsoft…) che rilascia gli aggiornamenti di sicurezza e questo avviene costantemente

Soluzioni…

Sostituire il Server oppure passare a un nuovo sistema operativo possono rappresentare soluzioni drastiche e costose. E se poi gli applicativi non funzionano sul nuovo sistema operativo? Altri costi di upgrade/manutenzione e messa a punto sono dietro l’angolo.

Le alternative spaziano dall’utilizzo di soluzioni Cloud, erogate in modalità SaaS (Software as a Service) oppure soluzioni On-premise.

Citrix può rappresentare una possibile soluzione, pur lasciando la possibilità di scegliere perché sia il cloud o il proprio server vanno bene comunque.

Il bypass del PC è rappresentato da Citrix Receiver che è continuamente aggiornato su Mac, PC, Android, IOS, anche su sistema operativo obsoleto.

Citrix Receiver

 

 

 

 

 

 

 

Tutte le applicazioni o anche l’intero desktop vengono erogate centralmente dalla propria server farm aziendale.

Citrix salta il PC a piedi pari, ma si preoccupa di rendere compatibili le applicazioni aziendali sui nuovi sistemi operativi a 64 bit.

La cultura di Citrix è tipicamente aziendale, quindi tutta orientata alle miriadi di applicazioni del mondo delle aziende. Nelle aziende non bastano e-mail e un foglio di calcolo, ma esistono tutta una serie di sistemi gestionali, finanziari, CRM, risorse umane e via discorrendo che vanno mantenute in funzione.

Il nodo della compatibilità

Citrix suggerisce quindi di trasformare il PC in un ricevitore televisivo e questo consente di congelare gli investimenti hardware sui PC, dimenticarli, non aggiornarli più, non investirci più.

Rimane un nodo: tutte queste applicazioni che funzionavano benissimo su XP o su Windows 2003, sui nuovi sistemi operativi a 64 bit funzioneranno?

Con AppDNA invece di perdere nottate a smanettare sui programmi si ottiene velocemente un verdetto sicuro; le risposte possono essere solo 3:

  1. il programma funzionerà perfettamente
  2. il programma non funzionerà, ma si può porre rimedio (vengono poi indicati i rimedi da adottare)
  3. il programma non funzionerà mai, evitare di perderci tempo

I rimedi suggeriti vanno dall’isolamento applicativo (tecnica sempre valida e da noi sempre caldamente consigliata per dormire sonni tranquilli) alla modifica ad-hoc del registry, files INI da creare, permessi da mettere su certe cartelle, ecc.

Esistono anche altre soluzioni che è possibile utilizzare per dismettere i sistemi obsoleti, come ad esempio Windows Server 2003.

Contattaci subito per una consulenza gratuita per approfondire questi argomenti!

By |2018-03-29T12:13:59+00:00Marzo 29th, 2018|Sistemistica Microsoft|Commenti disabilitati su Fine del supporto a Windows 2003 Server…cosa succede?